DONAZIONI

Ogni donazione a favore di una ONLUS effettuata dal singolo cittadino è detraibile dall’IRPEF nei limiti del 26% del contributo versato (calcolato su un massimo di € 30.000) o, se maggiormente conveniente, è deducibile nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato e per una misura massima di € 70.000,00 l’anno. Le erogazioni liberali effettuate dalle imprese sono deducibili nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato e per una misura massima di € 70.000,00 l’anno o per un importo massimo di € 30.000 o pari al 2% del reddito d’impresa.

Informazioni sulla sua donazione

Importo della sua donazione

,00

Scegliere il progetto da sostenere

Inserimento lavorativoTutela dirittiInclusione ScolasticaPercorsi di autonomia

Le vostre informazioni personali

Anti-spam: Quanto è 13+14 ?

Dona con Paypal o Carta di credito

Puoi donare anche con:

  • Bonifico bancario
    IBAN: IT 47L 03069 09606 100000001354
    Banca Intesa Sanpaolo
  • Bollettino postale
    Conto corrente n. 74685009
    IBAN: IT78 Y076 0103 2000 0007 4685 009

Decidi di destinare il 5×1000 dell’IRPEF all’Associazione Italiana Persone Down.
Firma nello spazio riservato alle ONLUS nel modulo di dichiarazione dei redditi e indica il nostro codice fiscale
961 983 80584.

Nella pagina Sostienici/5X1000 trovi maggiori informazioni

  • Su “WORTH WEARING. 100% Buone Cause” puoi acquistare oggetti personalizzati con il logo AIPD e con disegni di generosi artisti che hanno aderito alla nostra causa con opere che riportano al tema del “sogno possibile“.
  • SLOOOW, l’orologio a lettura facilitata nato dalla ricerca AIPD di un ausilio per i ragazzi con sindrome di Down che frequentano i corsi di autonomia dell’Associazione. Contattaci per ordinarlo.

Nella pagina Sostienici/Fai un regalo solidale trovi maggiori informazioni

Puoi aiutare concretamente l’associazione impegnandoti come volontario.
La sede nazionale dell’AIPD coinvolge i volontari prevalentemente in occasione di campagne informative, nelle piazze, nelle fiere, ai convegni.
Le sedi locali organizzano molte attività per le quali è richiesta la presenza di volontari: dal semplice supporto alla segreteria all’impegno diretto con bambini, ragazzi e adulti con sindrome di Down. Contatta la Sezione AIPD a te più vicina per dare la tua disponibilità.

Nella pagina Sostienici/Fai volontariato con noi trovi maggiori informazioni

  • Le persone con sindrome di Down maggiorenni, i loro parenti e i loro tutori possono diventare SOCI ORDINARI dell’associazione.
  • Tutti gli altri possono diventare SOCI COLLABORATORI, per aiutare l’associazione partecipando alle sue iniziative come volontari.
    Per tutti sono previste agevolazioni di varia natura.

Nella pagina Sostienici/Diventa socio trovi maggiori informazioni

Le persone fisiche possono scegliere tra: detrarre l’importo (per un massimo di 30.000 euro di donazione) al 30%, oppure dedurre l’importo donato senza limite assoluto ma entro il 10% del reddito complessivo dichiarato. Tra detrazione e deduzione si può affermare che chi ha un reddito maggiore di 30.000 euro ha maggior convenienza a dedurre. Si consideri il fatto che sarà la persona a scegliere quando compilerà la dichiarazione dei redditi del se applicare la deduzione o la detrazione: come per le aziende, in caso di applicazione della deduzione sarà possibile per il contribuente portare alle dichiarazioni future la parte di deduzione non goduta.

(fonte: italianoprofit.it)

Le aziende possono dedurre l’importo donato senza limite assoluto ma entro il 10% del reddito complessivo dichiarato (senza il limite dei 70.000 euro, come precedentemente previsto). Inoltre, sempre nel limite del 10%, nel caso in cui la deduzione superi il valore del reddito complessivo dichiarato al netto di altre deduzioni, la parte di deduzione non goduta può essere riportata nelle dichiarazioni successive, fino al quarto periodo d’imposta successivo (esempio, una donazione effettuata nel 2018 può essere scontata persino fino al 2023). Per l’azienda donatrice, l’erogazione liberale segue il principio di cassa.

(fonte: italianoprofit.it)