Il Consiglio di Amministrazione (CdA – eletto nel corso dell’Assemblea dei Soci 2019, in carica per il triennio 2019-2021) dell’AIPD è formato da:

la Presidente, Tiziana Grilli, Roma;

i Consiglieri:
Emily Amantea, Cosenza;
Maria Teresa Calignano, Nardò (Lecce);
Simona Corsico, Siracusa;
Tiziana Grilli, Ravenna;
Grazia Liddi, Bari;
Stefano Menghini, Roma;
Paolo Rebecchi, Trento;
Norma Rondini, Mantova.

Sono affidate deleghe per i rapporti con le sezioni, con i referenti dei coordinamenti regionali, per le affiliazioni.

AIPD nasce il 2 gennaio 1979 da un piccolo gruppo di famiglie con il nome di Associazione Bambini Down (A.B.D.).

• 1982: nasce la prima Sezione AIPD nella città di Viterbo. Oggi le Sezioni sono 54 in tutta Italia.

In questi anni l’associazione cresce e si fa conoscere in tutta Italia.
L’associazione si trasferisce nella sede in viale delle Milizie 106 a Roma.
Nasce il giornale che si chiama “Sindrome Down Notizie”.

• 1987: Il 4 ottobre AIPD organizza la prima Giornata Nazionale della Persona con Sindrome di Down in tante piazze di molte città italiane.

• 1989: nasce il corso di educazione all’autonomia a Roma con 22 ragazzi.
È il primo “Club dei Ragazzi” d’Italia.
Viene anche creato il portafoglio con le tasche che i ragazzi con sindrome di Down usano ancora.

In questi anni si fanno tanti convegni e seminari per parlare dei progetti dell’Associazione.

• 1992: l’associazione cambia nome e diventa AIPD, cioè Associazione Italiana Persone Down.
I bambini infatti diventano grandi e bisogna farlo capire a tutti.
Alcuni ragazzi iniziano a lavorare da McDonald’s.

• 1997: alcuni genitori e famiglie fanno nascere la Fondazione Italiana Verso il Futuro che si occupa di case famiglia e aiuta gli adulti con la sindrome di Down che iniziano ad abitare da soli senza i genitori.

In molte città italiane aumentano le Sezioni dell’AIPD e aumentano anche i corsi di educazione all’autonomia.
In questi anni si fanno molte attività, per esempio l’AIPD partecipa ad un convegno mondiale a Madrid, inaugura la casa a Zovello, realizza il film “A proposito di sentimenti”.
Cominciano anche gli stage al Quirinale per molti ragazzi di tutta Italia.

• 2002: l’associazione è alla costante ricerca di fondi (che vuol dire soldi per fare le attività) e pubblica un calendario con personaggi famosi, per esempio Raul Bova e Fiorello.
Comincia a fare progetti internazionali ai quali partecipano molte persone con sindrome di Down.

• 2006: l’associazione partecipa alla prima Giornata Mondiale della Sindrome di Down con un concerto all’Auditorium di Roma.
L’associazione forma il Coordown insieme ad altre associazioni che si occupano di sindrome di Down.

• 2009: il corso di educazione all’autonomia compie venti anni e per festeggiare si organizza un importante convegno a Roma.

• 2010: viene presentato l’orologio Slooow, un orologio più facile da leggere.

• 2011: si svolgono molti progetti ai quali partecipano ragazzi con sindrome di Down, tra cui “Amici sul web”, che insegna ad usare Facebook e rimanere in contatto con gli amici.

• 2012: il Comitato Scientifico si rinnova. La collaborazione con il Quirinale si impreziosisce con l’avvio di stage presso la Biblioteca. Allo spot “Assumiamoli!” viene assegnata la “Stella al Merito Sociale” per il 4° International Commitment Awards 2012. Il Volume “Valigia e biglietto, un viaggio perfetto” riceve il Premio Alberto Manzi.

• 2018: AIPD Nazionale cambia sede e da viale delle Milizie si trasferisce in Via Fasana 1 B-C.

– Lo Statuto ; AIPD è in attesa di ricevere l’ok dalla Prefettura per pubblicare online lo Statuto approvato con atto pubblico nel 2019, nel corso dell’Assemblea Straordinaria dei Soci, modificato secondo le nuove norme sul Terzo settore.
– Le Linee-guida;
– Il Curriculum.

L’AIPD è una ONLUS, cioè Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale.
“Non lucrativa” vuol dire che l’associazione non vuole guadagnare soldi per metterli da parte, ma utilizza tutti i suoi soldi per fare attività utili.

La maggior parte dei soci sono genitori e persone con sindrome di Down, ma chiunque può diventare socio. Per i soci dell’associazione esistono alcune agevolazioni.
Ogni tre anni i soci nella Assemblea eleggono i loro rappresentanti.
Il Consiglio di Amministrazione è il gruppo di persone elette dai soci per prendere le decisioni che riguardano l’associazione.
Il Collegio dei Revisori dei Conti è il gruppo di persone che controlla che i soldi dell’associazione sono spesi bene.

Il Collegio dei Probiviri è il gruppo che aiuta a mettere d’accordo i soci se c’è qualche problema.

Esiste poi il Comitato Scientifico, un gruppo di esperti in varie materie (medicina, psicologia, educazione, diritti) che aiuta l’AIPD ad essere informata soprattutto nel campo delle novità scientifiche.

L’Associazione Italiana Persone Down ha 54  Sezioni in Italia.

L’AIPD lavora con altre associazioni per avere più voce.
Fa parte di:

  • FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap)
  • e in Europa fa parte di:
  • EDSA (European Down Syndrome Association)
  • FID (Forum Italiano per la Disabilità).

AIPD ha poi molti contatti con altre associazioni di persone con sindrome di Down di tutto il mondo.

La Mission è l’insieme degli scopi che una associazione vuole raggiungere.

La Mission dell’AIPD è:

  1. fare cose utili per le persone con la sindrome di Down e le loro famiglie;
  2. informare più persone possibile, con libri, seminari e convegni;
  3. aiutare le persone con la sindrome di Down ad avere una scuola dove poter stare bene e imparare;
  4. aiutare le persone con la sindrome di Down che possono e vogliono lavorare a trovare l’occupazione migliore;
  5. rendere la società accogliente per tutti;
  6. far rispettare i diritti delle persone con sindrome di Down.

Dobbiamo fare in modo che tutti seguano la Costituzione italiana e la Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità nel mondo.

Come fa l’Associazione Italiana Persone Down a realizzare tutte queste cose?

Insegna a educatori, assistenti, insegnanti ed altre persone come si aiutano le persone con la sindrome di Down e le loro famiglie.

Parla con i politici per far rispettare le leggi che ci sono e per fare altre leggi per aiutare le persone con la sindrome di Down a stare meglio.

Inoltre vuole che tutte le associazioni che si occupano di sindrome di Down in tutto il mondo parlino fra di loro per conoscersi e scambiarsi idee e progetti.

Per conoscere le attività svolte nello scorso anno, leggi il “Bilancio Sociale AIPD 2018

LEGGE SULLA TRASPARENZA – CONTRIBUTI PUBBLICI
Come previsto dall’art. 1, comma 125 della legge sulla trasparenza n. 124/2017, AIPD comunica:
– anno 2018QUI il resoconto dei contributi pubblici ricevuti da AIPD Nazionale nel 2018,
– anno 2017:  ha ricevuto dalla pubblica amministrazione – tramite Agenzia delle Entrate -, il contributo del 5×1000 relativo all’esercizio 2015, di importo pari a € 102.000,00.

CAMBIA IN MEGLIO LA VITA DI QUALCUNO

Compresa la tua!

CHI SIAMO
DONA ADESSO